il blog di luigi sarto

Gli incontri più importanti sono già combinati dalle anime prim'ancora che i corpi si vedano. Generalmente, essi avvengono quando arriviamo a un limite, quando abbiamo bisogno di morire e rinascere emotivamente.

Gli incontri ci aspettano, ma la maggior parte delle volte evitiamo che si verifichino. Se siamo disperati, invece, se non abbiamo più nulla da perdere oppure siamo entusiasti della vita, allora l'ignoto si manifesta e il nostro universo cambia rotta. (Paulo Coelho da "11 Minuti")

domenica 17 aprile 2016

Canzone scritta all'Iper

a Carmelina C.

A cosa serviranno queste mie parole
lontano da te sono navi che viaggiano vuote
s'infrangono sugli argini di rotte sconosciute
di mappe prese in prestito e mai restituite
percorsi giusti per perdersi in una nuova attesa
quando il desiderio di vederti non sarà mai un'arresa

a volte vorrei perdermi perché fa troppo male
ma ho imparato a odiarmi a farlo con amore
regalami una parola buona per dormire
quando la notte scende ma non mi sa ascoltare

sono un bambino guardami che allunga la sua mano
sono il viaggio di ritorno fidati che porta più lontano
resto qui in mezzo al traffico ad aspettare musica nuova
sei tu la nota giusta la frase che mancava

sono io quel bambino che non ha più paura
se stringi la mia mano io ti ritrovo ancora
sono io quel bambino che ha aspettato tanto
non sono mai stato capito le volte in cui ho pianto
le navi ora tornano a dare un senso alle onde
non ti dirò mai che ti vorrei accanto...


Nessun commento:

Posta un commento