il blog di luigi sarto

Gli incontri più importanti sono già combinati dalle anime prim'ancora che i corpi si vedano. Generalmente, essi avvengono quando arriviamo a un limite, quando abbiamo bisogno di morire e rinascere emotivamente.

Gli incontri ci aspettano, ma la maggior parte delle volte evitiamo che si verifichino. Se siamo disperati, invece, se non abbiamo più nulla da perdere oppure siamo entusiasti della vita, allora l'ignoto si manifesta e il nostro universo cambia rotta. (Paulo Coelho da "11 Minuti")

domenica 29 novembre 2015

Ogni cosa buona che muore in noi può rinascere

Le forme della Fonte del tutto, la luminescenza, sono più numerose delle stelle del firmamento e basta un pensiero buono per farle risplendere. Eppure un unico sbaglio può appiccare il fuoco a una foresta nel cuore, oscurando ogni luce nei cieli. Mentre l'errore continua ad ardere, un amore in frantumi o una fede smarrita ci fanno credere che sia tutto finito, che non ce la facciamo più. Non è vero. Non importa quali siano le nostre azioni, non importa dove ci siamo persi, la luminescenza non svanisce mai. Ogni cosa buona che muore dentro di noi può rinascere, se lo desideriamo con intensità. Il cuore non sa rinunciare, perché non sa mentire. Alziamo gli occhi dalla pagina che stiamo leggendo, incontriamo il sorriso di un perfetto sconosciuto, e la ricerca inizia da capo. Non è come prima. E' sempre diverso. A volte la foresta che ricresce nel cuore segnato da una cicatrice è persino più folta e selvaggia di quanto fosse prima dell'incendio. E se restiamo in quel bagliore nascosto, nel nuovo ricettacolo di luce - perdonando tutto, senza mai arrenderci - prima o poi ci ritroviamo là dove amore e bellezza hanno creato il mondo: l'inizio. L'inizio.

Gregory David Robert, L'ombra della montagna

giovedì 26 novembre 2015

“Occorre scolpire la propria statua: lavorare su se stessi, scalpellando via tutto ciò che di falso o inutile ci sta attaccato, e liberare, alla fine, quel che noi siamo, nella saldezzaimperturbabile della magnificenza dell’esistere. Allora saremmo, davvero, dei sapienti: che non è il nome di uno che sa tutto, è il nome di uno che non ha più paura di niente. Guarito.”

Alessandro Baricco

Parlando di Miracoli

    Il miracolo è a disposizione di chiunque sia capace di
una certezza appassionata, a cui risponda la forza del cuore,
come forza di donazione assoluta di sé. L'impetuoso potere
del miracolo può giungere, in quanto sia creato in basso un
momento di assolutezza, ceh tolga la barriera tra umano e
Divino. Richiesta disperata, sorretta da un'idea pura,
continuamente voluta, radicalmente voluta.
Il miracolo è la legge vera del reale. E' sufficiente destarsi
dall'ottuso stato di coscienza quotidiano, per accorgersene.
In realtà,  ogni moemnto avviene un miracolo.
da Meditazione e Miracolo di Massimo Scaligero


La sicurezza rappresenta la tua sensazione di meritare, la tua identità, la tua àncora emozionale, la tua autostima la base della tua forza personale o la sua mancanza - Stephen Covey

Lettera di San Paolo agli Efesini

[6]Nessuno vi inganni con vani ragionamenti: per queste cose infatti piomba l'ira di Dio sopra coloro che gli resistono. [7]Non abbiate quindi niente in comune con loro. [8]Se un tempo eravate tenebra, ora siete luce nel Signore. Comportatevi perciò come i figli della luce; [9]il frutto della luce consiste in ogni bontà, giustizia e verità. [10]Cercate ciò che è gradito al Signore, [11]e non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre, ma piuttosto condannatele apertamente, [12]poiché di quanto viene fatto da costoro in segreto è vergognoso perfino parlare. [13]Tutte queste cose che vengono apertamente condannate sono rivelate dalla luce, perché tutto quello che si manifesta è luce. [14]Per questo sta scritto:
«Svègliati, o tu che dormi,
dèstati dai morti
e Cristo ti illuminerà».
(∂ + m) ψ = 0” 
L’equazione sopra è quella di Dirac ed è la più bella equazione conosciuta della fisica. Grazie a questa si descrive il fenomeno dell’entanglement quantistico, che in pratica afferma che: “Se due sistemi interagiscono tra loro per un certo periodo di tempo e poi vengono separati, non possiamo più descriverli come due sistemi distinti, ma in qualche modo sottile diventano un unico sistema. Quello che accade a uno di loro continua ad influenzare l’altro, anche se distanti chilometri o anni luce.“

inizi...

"Metti in dubbio i luoghi comuni tra cui sei cresciuta. Si viene al mondo per evolvere. E si evolve solo se si riesce a distillare da se stessi una qualche dose di incoscienza. Non ascoltare chi ti dice come dovresti essere, hanno solo paura. Non dare retta a chi ti tesse l’elogio delle vite pianeggianti. Le salite sono trampolini. E tu non sei una prigioniera, ma un’esploratrice. Se lascerai che la tua vita trascorra con la stessa conoscenza di te che avevi quando l’hai incominciata, ti sarà stata inutile. E ti sarò stato inutile anch’io. " 

i nomi dell'amore

Gemelli
gemelli
Gli eschimesi avevano 52 nomi diversi per la neve perché per loro era importante”, ha scritto Margaret Atwood in un romanzo. “Dovrebbero essercene altrettante per l’amore”.
Eccone alcune che gli antichi greci concepirono, secondo Lindsay Swope nella sua recensione del libro “Through the Looking Glass” (Attraverso lo specchio) di Richard Idemon.
Epithemia è il bisogno di base di toccare ed essere toccati. La nostra approssimazione più vicina è ‘eccitazione’, sebbene l’epithemia sia più una sensazione sensuale che una sessuale.
Philia è l’amicizia. Comprende il bisogno di ammirare e rispettare gli amici come riflesso di se stessi, come nella scuola superiore, quando vogliamo frequentare quelli ‘fighi’ perché ciò implica che lo siamo anche noi.
Eros non è sessuale nel modo in cui di solito pensiamo, ma riguarda di più la gratificazione emotiva che proviene dalla fusione di anime.
Agape è un’espressione di amore matura, estremamente libera che non prevede la possessività. Significa volere il bene di un’altra persona anche se ciò non comporta alcun vantaggio personale.
Il tuo compito è coniare altre tre nuove parole per l’amore, il che significa che devi scoprire o creare tre stati alterni di amore che non abbiano già un nome. Per farlo, dovrai mettere da parte le tue aspettative abituali e le definizioni standard di ciò che l’amore rappresenta per te in modo che tu possa esplorare una gamma di sfumature, incluse varietà che non avevi mai immaginato che esistessero.
Gemelli
gemelli
L’universo è per sua natura amico degli umani? La risposta può essere “si, certamente” o “no, per niente”. Non può stare nel mezzo. Indipendentemente da quella in cui sei propenso a credere, devi convenire che non c’è modo di sapere quale è quella vera con certezza assoluta.
Perciò, non è stupido e autodistruttivo vivere la vita come se l’universo fosse ostile? Questo atteggiamento tende a stendere un drappo funebre su tutto. Se invece adotti l’ipotesi che l’universo è benevolo, sarai incline a interpretare tutto ciò che accade come un dono, per quanto arduo possa essere immaginarne lo scopo in un primo momento.