il blog di luigi sarto

Gli incontri più importanti sono già combinati dalle anime prim'ancora che i corpi si vedano. Generalmente, essi avvengono quando arriviamo a un limite, quando abbiamo bisogno di morire e rinascere emotivamente.

Gli incontri ci aspettano, ma la maggior parte delle volte evitiamo che si verifichino. Se siamo disperati, invece, se non abbiamo più nulla da perdere oppure siamo entusiasti della vita, allora l'ignoto si manifesta e il nostro universo cambia rotta. (Paulo Coelho da "11 Minuti")

sabato 17 gennaio 2015

grazie Maria...



Il debutto letterario di Jordan pullulava di uomini che si erano opposti all'amore per paura di perdere se stessi, rispondendo con odio e indifferenza cinica a quel sentimento. Un critico aveva celebrato La notte come il "manifesto del nuovo mascolinismo".
Perdu non lo riteneva così pomposo. Era l'inventario disperato della vita sentimentale di un giovane che ama per la prima volta e che, nonostante l'autocontrollo, non capisce come accostarsi all'amore né, allo stesso tempo, come smettere di amare. Descriveva quanto lo disturbasse non poter decidere di chi innamorarsi e da chi essere amato, né poter stabilire quando l'amore comincia e finisce e tutto il terribile ignoto che sta nel mezzo.
L'amore: lo spaventoso tiranno degli uomini. Non sorprendeva che la risposta del sesso maschile fosse la fuga. Milioni di donne avevano letto il libro per capire come mai gli uomini fossero così crudeli con loro. Perché cambiavano la serratura, le lasciavano via sms, andavano a letto con la loro migliore amica. Tutto questo solo per fare una linguaccia al despota. "Non mi prendi, non mi prendi..."

da Una piccola libreria a Parigi. Nina George

Nessun commento:

Posta un commento