il blog di luigi sarto

Gli incontri più importanti sono già combinati dalle anime prim'ancora che i corpi si vedano. Generalmente, essi avvengono quando arriviamo a un limite, quando abbiamo bisogno di morire e rinascere emotivamente.

Gli incontri ci aspettano, ma la maggior parte delle volte evitiamo che si verifichino. Se siamo disperati, invece, se non abbiamo più nulla da perdere oppure siamo entusiasti della vita, allora l'ignoto si manifesta e il nostro universo cambia rotta. (Paulo Coelho da "11 Minuti")

domenica 28 dicembre 2014



avrò una macchina veloce.
e ti verrò a trovare. scivolando dolce tra le curve che portano da te.
ci sarà freddo e neve e nebbia e poi sole e vento tiepido d'aprile. e il dolce che dovrà arrivare, la sera della primavera. questa volta ci troverà pronti. col perdono in mano, pronto come un biglietto al check-in dei cuori infranti.
i baci come tenero unguento e le note e la musica la mia e la tua suonerà nell'aria e nella macchina veloce.
ci saranno i nostri angeli a proteggerci e a benedirci dietro di noi. ci sarà nonno guido. e i nostri cuori ringrazieranno per loro. chiedendo scusa per quando non ci siamo stati.

e poi finalmente dire eccoci.
io sono questo
io sono questa
e l'odore dei tuoi capelli appena lavati è per me come eroina. e finalmente sceglieremo.
la verità e l'amore. non sarà facile, piccola. ma sarà come deve essere. se sarà destino allora non ci saranno abbastanza draghi per fermarci.

ho imparato a lottare.
ho imparato a ridere.
ho imparato a soffrire, ma per quello ero già bravo abbastanza. giuro. chiara su quello era una professionista. a farmi stare male e a inondarmi di sensi di colpa, spolverizzati su me come zucchero a velo.

non mi riconosceresti se mi vedessi adesso, lo giuro.
ho cambiato macchina.
ho cambiato casa.
ho tagliato i capelli.
ho tatuato il tuo nome sulla spalla destra.
ho ricominciato ad andare in terapia.
ho cambiato lavoro.
ho cambiato sorriso. quello di prima te lo eri presa tu.
sono ritornato a scuola per ricominciare a scrivere canzoni.

di quello che c'era c'è rimasto qualcosa. ma il più è cambiato.
sto cercando un modo di ritornare a vivere, uno qualsiasi.

l'amore per il momento non mi fa schifo.
non ce l'ho con l'amore. solo che mi fa cagare addosso. non puoi capire.
ho una paura tremenda e fottuta di essere ferito ancora, di ferire.

ti penso di continuo. e piango anche per te. come una 16enne. ogni sera. 10 minuti. è la mia preghiera quotidiana x te.
e poi piango dallo psicologo. 45 minuti circa ogni mercoledì. 150 euro. forse dovresti darmene almeno 75€.

ma poi penso che dallo psicologo non mi hai mandato tu.
il casino era dentro. tu l'hai portato fuori.
e poi penso come sarebbe se tu fossi rimasta. se tu fossi ancora da qualche parte qui nei dintorni.
ok. ora smetto. prendo i fiori di bach. e poi sto lavorando. echecazzo.

Nessun commento:

Posta un commento