il blog di luigi sarto

Gli incontri più importanti sono già combinati dalle anime prim'ancora che i corpi si vedano. Generalmente, essi avvengono quando arriviamo a un limite, quando abbiamo bisogno di morire e rinascere emotivamente.

Gli incontri ci aspettano, ma la maggior parte delle volte evitiamo che si verifichino. Se siamo disperati, invece, se non abbiamo più nulla da perdere oppure siamo entusiasti della vita, allora l'ignoto si manifesta e il nostro universo cambia rotta. (Paulo Coelho da "11 Minuti")

martedì 27 maggio 2014

Lo stupore che ho di te

Lo stupore che ho di te

C’è odore di buono qui
Di zagare in fiore e di grano per dire
Di una vita che sta per ripartire
E che per poco era quasi finita

C’è una luce nuova la fuori sai
E occhi buoni coi quali guardare
Occhi belli e da poco guariti
Come noi due che ci siamo ritrovati

Ritornello
Ora lasciami cantare di te
Contare i momenti che vivremo insieme
Perché l’amore è condividere
per noi vuol dire vivere davvero
Ora lasciami guardare te
Come nessuno ti ha mai guardato
Con lo stupore di una madre e il tuo primo vagito
Come chi torna da te e non è mai partito

Che donna meravigliosa sei
Anche dio ti perdona ma non tu
Eppure sai che hai pagato abbastanza
Eppure sai che io e il mondo siamo qui
fuori dalla tua stanza

Ritornello
Ora lasciami cantare di te
Contare i momenti che vivremo insieme
Perché l’amore è condividere
per noi vuol dire vivere davvero
Ora lasciami guardare te
Come nessuno ti ha mai guardato
Con lo stupore di una madre e il tuo primo vagito
Come chi torna da te e non è mai partito

Oggi è un buon giorno per ricominciare
Ora che le stelle stanno a guardare
E disegnano per te un nuovo destino
Come il piccolo principe io nel giardino
Cosa importa di mille stupidi fiori
La tua bellezza non ha rivali
Cosa importa se siamo lontani
Posso sentirti qui dentro di me

Nessun commento:

Posta un commento